Tutto quello che devi sapere sul trucco permanente

Che cos'è il trucco permanente?

Il trucco permanente è un trattamento estetico utilizzato per avere un make-up sempre vivo e luminoso. In genere viene utilizzato per marcare l’eyeliner degli occhi, per perfezionare le sopracciglia e per offrire un contorno labbra maggiormente definito, evitando le sbavature di un normale make-up. Con il trucco permanente puoi finalmente dire basta alle ore perse davanti allo specchio.

Può essere utilizzato inoltre per la ripigmentazione dell'areola dopo l'intervento chirurgico al seno.



Come funziona?

La tecnica utilizzata per il trucco permanente viene definita micropigmentazione ed è molto simile a quella del tatuaggio tradizionale. Consiste nell’inserire pigmenti colorati sotto la pelle che restino in modo permanente. Le procedure cosmetiche permanenti vengono eseguite utilizzando vari metodi, tra cui le tradizionali macchinette, o penne, da trucco permanente (chiamate dermografi), oppure col metodo non a macchina, bensì "a mano" (microblading). Il processo include generalmente una consultazione iniziale riguardante il colore e la forma, quindi l'applicazione del pigmento ed una o più visite di controllo per la correzione della forma e del colore o della densità del pigmento.



Differenze Trucco Permanente e Tatuaggio

La differenza principale sta nella profondità in cui vengono inseriti i pigmenti: quelli del tatuaggio necessitano di maggiore profondità, mentre nel trucco permanente ci si limita a strati più superficiali dell’epidermide. Inoltre i pigmenti utilizzati nel trucco permanente sono naturali, ipoallergenici e bio-riassorbibili. Consentono di apportare piccole modifiche nel tempo per aggiustare il make-up in base ai cambiamenti del viso legati all’età.



Trucco Permanente o Semi-Permanente?

Se vi state chiedendo quale sia la differenza tra trucco permanente e semi-permanente, sappiate che sono esattamente lo stesso trattamento.
Viene definito permanente in quanto, rispetto al tradizionale make-up, ha una durata, in termini di tempo, maggiore; viene anche definito semi-permanente perché, rispetto al tatuaggio tradizionale, non dura tutta la vita ma tende a sbiadire e dover essere ritoccato dopo qualche anno.



Durata Trucco Permanente e "Touch-up"

Premettiamo che la durata del trucco permanente è soggettiva, in quanto la pelle, essendo un tessuto vivo, ha dei mutamenti nel tempo che possono fare spostare i pigmenti. E' dunque necessario ricorrere ad un "Touch-up", ovvero un ritocco volto al miglioramento del colore e della forma. Non tutti i trattamenti di trucco permanente hanno la stessa durata. Il trattamento che dura meno è quello delle labbra, infatti il contorno labbra mediamente deve essere ribattuto almeno una volta all’anno per essere sempre perfetto. Per quanto riguarda le sopracciglia, la durata è più lunga, si possono infatti ribattere una volta ogni anno e mezzo, anche ogni due. Il trattamento che dura di più invece è l’eyeliner, la linea nera sugli occhi, che si può tenere senza ribatterlo, anche per due o tre anni.



Arreca molto Dolore?

Anche in questo caso, si tratta di un valore soggettivo: ci sono persone che non sentono nulla, e persone che hanno un fastidio più marcato. Per quanto riguarda le sopracciglia, il trattamento più diffuso, il dolore che si può provare durante l’esecuzione è quasi nullo.
Per le labbra, contorno o sfumatura interna, il trattamento provoca leggermente più dolore rispetto alle sopracciglia, in quanto si tratta di un tessuto maggiormente irrorato di sangue e più ricco di terminazioni nervose, ma nulla di insopportabile. Per quanto riguarda l’eyeliner invece, il lavoro viene svolto molto vicino all’occhio e lo si disturba, e questo potrebbe arrecare maggiore fastidio.



Chi trae beneficio dal Trucco Permanente?

Tutti, dai giovani agli anziani, che desiderano un miglioramento naturale al loro aspetto. È particolarmente vantaggioso per le persone che non possono utilizzare altri cosmetici a causa di allergie e sensibilità cutanee. Persone attive che vogliono apparire al meglio per attività come nuoto, trekking, ciclismo, tennis, aerobica e coloro che non vogliono preoccuparsi di "sudare" o riapplicare cosmetici. Anche i disabili visivi che hanno difficoltà ad applicare i loro cosmetici e altri con menomazioni motorie come l'artrite, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, i sopravvissuti all'ictus e quelli con le mani instabili che non riescono ad applicare il proprio trucco e le persone impegnate che non hanno tempo da spendere per il loro trucco.



Cicatrizzazione Trucco Permanente

Il pigmento viene inserito negli strati interni del derma e, appena applicato, produce una lesione della cute che deve poi rigenerarsi. La cicatrizzazione avviene mediamente in 3/5 giorni, attraverso la formazione di una crosticina sulla pelle, come nei tatuaggi, invece la rigenerazione della cute vera e propria può avere una durata di circa 30 giorni.



Effetti collaterali

Generalmente c'è un certo gonfiore dell'area trattata. Mentre le sopracciglia possono manifestare alterazioni per poco tempo, l'eyeliner e le labbra possono mostrare un leggero gonfiore per uno o due giorni. Di solito c'è qualche infiammazione per alcuni giorni. Il colore sarà più scuro di quanto ci si possa aspettare per i primi sei-dieci giorni.



E' sicuro?

Se la corretta sterilizzazione e le linee guida sanitarie sono soddisfatte, i cosmetici permanenti sono sicuri. Queste linee guida includono quanto segue:

  • Tutti gli aghi devono essere nuovi e sterili per ogni cliente. Anche altri componenti della macchina devono essere preventivamente sterilizzati e smaltiti in modo igienico.
  • Altre attrezzature e materiali di consumo devono essere mantenuti in condizioni buone igieniche.
  • I guanti devono essere utilizzati in qualsiasi momento durante la procedura.
  • Il tecnico deve seguire tutte le linee guida sanitarie previste dalle normative vigenti.
  • La sala dove viene eseguito il trucco permanente dovrebbe trovarsi in una zona libera da elementi contaminanti come la polvere di unghie e capelli che contengono batteri. Pavimenti e pareti dovrebbero essere di un materiale non poroso che può essere tenuto libero da organismi infettivi



Quale tecnico scelgo?

Scegli un tecnico prestando attenzione, considerando la formazione e l'esperienza. Tieni presente che la tua salute e la sicurezza sono di massima importanza, per te e per il tecnico. È necessario considerare la pulizia, le condizioni igieniche e l'ambiente generale in cui verrà eseguito il trattamento di trucco permanente. Non tutti i tecnici hanno lo stesso livello di formazione, alcuni non hanno alcun background medico e molti non sono associati a un medico. Alcuni potrebbero non essere nemmeno autorizzati.



Applicare il Trucco Permanente in Estate

Uno dei fattori che possono ridurre la durata del trucco permanente è il sole, quindi sorge la domanda: E’ possibile effettuare il trucco permanente in estate? La risposta è Sì, si può tranquillamente fare anche durante la stagione estiva. E’ necessario però evitare di andare in spiaggia almeno per una settimana e proteggere successivamente le zone trattate con una protezione solare.
In ambienti come la spiaggia o la piscina è facile entrare in contatto con agenti patogeni (virus, batteri, spore), ed è necessario evitarli almeno finché non è stato completato il processo di cicatrizzazione.



Microblading

Microblading significa piccola lama (dall’inglese, micro e blade), ovvero si utilizza un pennino, sul quale viene applicata appunto una piccola lama, come se fosse un bisturi, con il quale si può tatuare sopracciglia, eyeliner e labbra. In pratica, attraverso il microblading, si può applicare il trucco permanente a mano, anziché usare il dermografo.



Differenze Dermografo e Pennino

Non vi è alcuna differenza. In entrambi i casi, infatti, si tratta di bucare la pelle per far penetrare il pigmento. Allora vi chiederete: Perché utilizzare il pennino a mano anziché il dermografo? Il risultato è migliore?
La risposta è No. In linea teorica infatti il trucco permanente eseguito col pennino o col dermografo, dà lo stesso risultato. Non vi è quindi nessun vantaggio nell’applicare il trucco permanente attraverso il microblading rispetto al dermografo, ma nemmeno alcuno svantaggio. E’ semplicemente un metodo alternativo al trucco permanente applicato col dermografo.



Tricopigmentazione

La tricopigmentazione è la risposta a tutti coloro che hanno problemi di calvizie e, in generale, di capelli.
Consiste, come per tatuaggi e trucco permanente, nell’inserire pigmenti di colore direttamente sotto pelle, nei primi strati del derma, utilizzando l’apposito macchinario. Mediamente un trattamento di tricopigmentazione può durare dai 12 ai 18 mesi, prima di sbiadire e dover essere ritoccato da un trattamento meno invasivo.



Posso rendere la Tricopigmentazione Permanente?

Assolutamente No. Nel caso si decidesse di utilizzare la tecnica del tatuaggio ed i relativi pigmenti, si avrebbe sicuramente un risultato più duraturo ma, per una capigliatura interamente ridisegnata, i danni sarebbero ben più evidenti: i puntini disegnati potrebbero espandersi col tempo, cambiare forma e consistenza.